Fotoromanzi

2021

Vedere non è mai solo vedere, è abitare e interpretare in base a ciò che conosci o presumi. In questo lavoro, ripesco gruppi di foto preesistenti e abbandonate nel mio archivio e le ordino in relazione a escamotage letterari di vario tipo creati ad hoc: il testo viene collocato in copertina, in modo che ciò che si vede sia influenzato da ciò che si sa e si immagina*.

Tutte le fotografie del mondo hanno una vita che coincide con il motivo per cui sono state scattate: per documentare un fatto, una realtà o una situazione, per comunicare qualcosa, per conservare un ricordo o a volte per fare “belle foto”, nella speranza di far sembrare di buon gusto chi le fa. Tutti conoscono queste “prime vite” delle foto. Pochi sanno però che ogni foto può avere molte altre vite, oltre la prima. Basta prenderla dal suo contesto di uso e portarla altrove, verso un uso ulteriore, che non le competa in modo immediato. Nel momento stesso in cui diventa inutile e sparisce, la fotografia entra in una zona mediana e ambigua, inizia a parlare un’altra lingua, magari a raccontare una storia: una storia personale o astratta, generale o particolare o una storia che sta al limite, né di qua né di là, buona per segnalare il confine di quella strana, ambigua zona mediana. Con il progetto “Fotoromanzi” mi sono riproposto di percorrere proprio questo confine. Partendo da un archivio di foto personali scattate per i motivi più diversi, ho iniziato a esplorare il punto in cui favole, motti di spirito, giochi di parole, verifiche, l’approccio concettuale, quello lirico o filosofico si potevano intrecciare ad alcune di quelle fotografie associate in sequenze, producendo così nuove figure. Queste sono le storie che ho riportato a casa in questo viaggio.

-> Il Fotoromanzo n° 4 “Istruzioni per essere come dio” è stato presentato in forma di installazione interattiva ad aprile 2021 nell’ambito di “Centrale Festival - Around”, festival internazionale di fotografia e arte contemporanea curato da Luca Panaro di Chippendale studio.
Foto e info qui.

NOTE TECNICHE

Cofanetto in cartoncino
Otto (più uno) fascicoli formato 16,5x23,5 cm.
Carta interno: Fedrigoni X-Per premium white 120g
Carta copertina: Fedrigoni X-Per premium white 200g
Rilegatura: filo singer nero
Stampato da Presspoint, Pero (MI)
Euro 30,00.
L'opera è in esposizione a Chippendale Studio e in vendita presso Leporello.

Il libro è un dummy autoprodotto: per averne una copia potete anche scrivermi.


(*)
Con il lavoro “Fotoromanzi” intendo esplorare e discutere il rapporto tra dimensione verbale del racconto e dimensione visuale della fotografia, cioè mi metto in bilico sull’epicentro dei più modaioli e spesso catastrofici luoghi comuni dello storytelling fotografico. 

Grazie a un format grafico seriale ed esplicitamente anacronistico, “Fotoromanzi” mette in scena una vibrante e del tutto inefficace, ma corrosiva protesta contro le modalità ermetiche, iniziatiche e alla fine decorative più in uso nella costruzione di sequenze fotografiche. Modalità nelle quali si demanda al fruitore il compito di colmare i vuoti di un testo visivo oscuro e a volte francamente aleatorio, ma di pretesa profondità. In questo modo, se in apparenza si esalta il visivo, in realtà lo si svuota collocandolo in posizione ancillare di un "verbale mancante" che spesso nemmeno l’autore conosce, poiché confonde l’oscurità di un sapere riservato agli eletti (che pensa di frequentare) con l’uso di cliché di cui non ravvisa l’origine. È questa concezione a mantenere spesso la fotografia in uno stato di minorità sia nei confronti della letteratura, di cui scimmiotta le strutture senza poter vantare una sintassi, sia verso le arti visive, di cui si nega la concettualità senza poter sopperire con una liricità che resta amatoriale.

“Fotoromanzi”, con il suo stile esplicito, dichiarativo e improbabile, preferisce a tale se-dicente aristocrazia del gusto la chiarezza illuministica e democratica di un atteggiamento diretto, intendendolo come profilassi igienica per il recupero di un corretto e paritario rapporto tra visivo e verbale.


VERSIONI DIGITALI 

I vestiti dell'uomo che divenne invisibile

Set nasale

Torno subito

Cosa stai guardando?

Ex voto

Storia di O

Istruzioni per essere come dio

L'estraneo

Using Format